fbpx

Come prevenire le malattie infettive?

Quando sentiamo parlare di malattie infettive, le prime che ci vengono in mente sono AIDS, morbillo, tubercolosi, ma esistono molte malattie infettive che noi non consideriamo tali come le gastoenteriti o le infezioni delle vie respiratorie.

Le malattie infettive si verificano quando un microrganismo estraneo si stabilisce e si moltiplica sulla superficie o all’interno di un organismo. Questi microrganismi, definiti patogeni, perché capaci di generare patologia, si dividono in: batteri, miceti (organismi appartenenti al regno vegetale), parassiti (appartengono al regno animale) e virus (non dotati di vita autonoma, ma possono replicarsi solo all’interno delle cellule parassitate).

La trasmissione di una malattia infettiva può avvenire con:

  • contagio diretto, cioè si viene contaminati direttamente dalla sorgente di infezione (esempio trasmissione aerea a causa di uno starnuto);
  • contagio indiretto, cioè tramite un vettore come un insetto o un oggetto contaminato (puntura di zanzara, alimenti, acqua, …)

Le principali vie di trasmissione sono: aerea (colpi di tosse, starnuti, …), oro-fecale (ingestione di cibi contaminati), parenterale (lesioni cutanee, siringhe infette, morsi di animali, …), transplacentare (in caso di feto) e sessuale.

In Italia esiste ancora un’emergenza riguardo le malattie infettive che determinano ogni anno decine di migliaia di morti e restano causa di malattia, morte e disabilità a livello globale.

Per prevenire la diffusione delle malattie infettive, a prescindere dai vaccini, possiamo seguire una serie di atteggiamenti e comportamenti, tutti basati su una profonda igiene:

  • Lavare le mani: queste rappresentano il principale vettore di germi patogeni; bisognerebbe sempre lavarle prima e dopo la manipolazione di alimenti, prima e dopo l’utilizzo dei servizi igienici e cambio del pannolino, dopo aver giocato all’aperto, dopo aver toccato soldi e l’automobile e, comunque, al rientro a casa.
  • Fare attenzione agli alimenti che vanno acquistati da fornitori affidabili e con l’etichetta; non ricongelare alimenti scongelati; carne, pesce e uova devono essere ben cotti; lavare sotto l’acqua corrente e tenere a bagno per alcuni minuti verdura e frutta; i prodotti a base di creme e uova sono da conservare in frigo e devono essere consumati in giornata.
  • Spazzolino da denti, pettini, biberon, ciucci, tovaglioli, asciugamani … non dovrebbero essere condivisi; attenzione ad indumenti usati in modo promiscuo (sciarpe, cappelli, …), a lenzuola e federe, ai bavaglini dei bambini. 
  • Favorire il ricambio d’aria all’interno di un ambiente è molto importante, soprattutto se affollato in quanto l’aria secca e l’umidità facilitano la sopravvivenza di molti agenti patogeni delle vie respiratorie.
  • Mantenere il più possibile puliti e igienizzati gli ambienti; utilizzare appositi disinfettanti (amuchina e candeggina) per il bagno, il lavandino e i pavimenti; rimuovere la polvere (e gli acari) dai mobili; lavare periodicamente tutti gli oggetti presenti nella camera del bambino (giochi, tappeti, …)

Detto questo va da sé che la prevenzione delle malattie infettive è fondamentale, per il singolo soggetto che così facendo eviterà di andarvi incontro, ma anche per la comunità.

Impedire che un soggetto si ammali equivale ad impedire che lo stesso possa infettare altre persone.

Compila il FORM sottostante. Ti risponderemo via e-mail o richiamandoti al telefono!