Endodonzia. I nostri denti sono destinati a durare una vita ma spesso, in seguito a una profonda carie o a un trauma che provoca una frattura, si danneggiano e l’interno si infetta. Questa infezione compromette la polpa, ovvero la rete di vasi sanguigni e nervi all’interno del dente.

La polpa infiammata deve quindi essere rimossa dal dentista o da uno specialista chiamato endodontista, mediante un trattamento chiamato terapia canalare o devitalizzazione.

La terapia canalare comporta l’apertura del dente, la rimozione della polpa danneggiata, la pulizia e la sagomatura del canale e il riempimento del dente.

A seconda del grado di infezione, il dentista può inserire una medicazione intermedia nel dente per disinfettare perfettamente il canale prima della chiusura.

In seguito alla rimozione della polpa, il dente diventa più fragile perché diminuisce l’elasticità, esattamente come accade a un ramo tagliato dall’albero. E’ quindi opportuno, per poter garantire la piena efficienza al dente, procedere alla copertura mediante un guscio protettivo chiamato corona protesica.

FAQ - Domande frequenti

Che cosa si intende per terapia canalare o devitalizzazione di un dente?

La terapia canalare o devitalizzazione di un dente è necessaria quando la polpa dentaria (nervo del dente) è compromessa. Durante tali cure si procede alla rimozione della polpa dentaria e alla sua sostituzione con un materiale da otturazione canalare.

Dopo la devitalizzazione dovrò fare più attenzione al dente o dovrò ancora farmelo curare?

Finché il dente non è stato ricostruito non dovreste usarlo per masticare o mordere. Il dente non ricostruito è più soggetto a frattura, quindi dovreste farvelo ricostruire il più presto possibile, facendovi consigliare dal dentista se utilizzare una corona .In generale, dovreste seguire una corretta igiene orale, che includa l’uso dello spazzolino e del filo interdentale, regolari controlli e pulizie. La maggior parte dei denti devitalizzati hanno lo stesso arco di vita degli altri denti naturali.

La devitalizzazione fa male?

Secondo l’HYPERLINK http://www.aae.org/ Associazione Americana degli Endodontisti (odontoiatri specializzati nel trattamento dei traumi e delle infezioni della polpa dentale), il luogo comune che la devitalizzazione sia dolorosa risale a decenni fa, quando questi interventi facevano veramente male. Al giorno d’oggi, con le tecnologie moderne e il miglioramento delle procedure di anestesia, le devitalizzazioni non sono più dolorose delle semplici otturazioni. Sapere esattamente a che cosa si va incontro durante la devitalizzazione può aiutarvi a diminuire la vostra ansia.

Se il dente non fa male è necessario devitalizzarlo ugualmente?

Di solito la devitalizzazione viene eseguita perché il mal di denti è insopportabile, ma in molti casi potrebbe essere necessaria la devitalizzazione anche se il dente non fa male. Siamo in grado di riconoscere se la polpa di un dente è infetta o danneggiata. In questo caso, è necessaria la devitalizzazione per salvare il dente.

Compila il FORM sottostante. Ti risponderemo via e-mail o richiamandoti al telefono!

6 + 4 =