fbpx

L’ambulatorio di urologia in Asti Clinic offre una consulenza medica al fine di verificare la funzionalità delle vie urinarie e degli organi riproduttori diagnosticando, escludendo o monitorando le disfunzioni e le malattie che li colpiscono.

Si effettuano visite urologiche specialistiche, non dolorose e non invasive come la visita andrologica, effettuata al fine di diagnosticare potenziali patologie a carico del sistema genitale maschile, o la visita urologica che include l’ecografia urologica al fine di verificare la sospetta presenza di una patologia in corso o, se accertata, di studiarne l’evoluzione e l’uroflussimetria, esame effettuato  al fine di  verificare il corretto funzionamento delle vie urinarie.

In Asti Clinic, il Dott. Scoffone effettua:

 

  • Visita urologica
  • Visita andrologica
  • Ecografia urologica
  • Uroflussimetria

Il Cesare Scoffone si è laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Urologia presso l’Università degli Studi di Torino.

Inizialmente assistente di Chirurgia Generale presso l’Ospedale San Lazzaro di Alba (Cuneo), ha proseguito la propria formazione come Dirigente Medico di I livello presso la Divisione Universitaria di Urologia dell’Ospedale San Luigi di Orbassano (Torino), diretta dal Prof. Dario Fontana fino al 2000 e successivamente dal Prof. Roberto Mario Scarpa.

Dal 1° Novembre 2010 è Direttore della Struttura Complessa di Urologia dell’Ospedale Cottolengo di Torino. Vanta una vasta esperienza chirurgica (con particolare riferimento alle tecniche mini-invasive ed innovative), un robusto background scientifico (testimoniato da numerose pubblicazioni nazionali e internazionali) e una ricca attività didattica (sia frontale sia in sala operatoria). In campo chirurgico il Dott. Scoffone può vantare una casistica molto ricca sia dal punto di vista quantitativo (oltre 6000 interventi da primo operatore), sia da quello qualitativo (con ampia esperienza in tutti i campi dell’urologia, dalla endourologia, alla chirurgia a cielo aperto, a quella laparoscopica). In particolare, si è distinto per aver introdotto in Italia la posizione supina di Valdivia modificata Galdakao per l’accesso combinato all’alto apparato in caso di urolitiasi, stenosi ureterali o neoplasie uroteliali, e per aver messo a punto, insieme al prof. Scarpa, la tecnica mini-invasiva denominata ECIRS (Endoscopic Combined IntraRenal Surgery) per il trattamento della calcolosi renale voluminosa e/o complessa; ha inoltre contribuito alla diffusione della resezione bipolare anche di voluminosi adenomi prostatici con applicazione della cannula sovrapubica di Reuter.

L’organizzazione della attività assistenziale da lui diretta garantisce inoltre procedure e prestazioni di prevenzione, diagnosi e follow up delle patologie urologiche benigne e maligne, metaboliche, malformative e funzionali. Costante è il rapporto con i medici di base, ai quali garantisce un canale di accesso facilitato per i casi urgenti e con i quali collabora nella gestione pre- e post-operatoria del paziente.

Dott. Cesare Scoffone

Asti Clinic

FAQ - Domande frequenti

Quando sottoporsi a una visita urologica?

La prima visita urologica dovrebbe essere effettuata intorno ai 20 anni per verificare che lo sviluppo sessuale sia completo. Dopo i  45 anni bisognerebbe sottoporsi a una visita urologica ogni due anni per prevenire il tumore alla prostata.

Come si svolge una visita urologica?

La visita urologica generalmente consta di più fasi:

  1. con l’ anamnesi lo specialista al fine di tracciare un quadro clinico del paziente si informerà circa il suo stile di vita e la sua storia clinica;
  2. mentre negli uomini lo specialista procede con una esplorazione del basso addome e dei genitali esterni, nelle donne il controllo è molto simile a quello ginecologico;
  1. infine, se necessario, lo specialista richiederà ulteriori analisi come l’uroflussimetria o l’ecografia urologica.
Sono previste norme di preparazione?

Non sono previste norme di preparazione specifiche.

Quando sottoporsi a una visita andrologica?

La prima visita andrologica dovrebbe essere eseguita nella prima adolescenza e in assenza di problemi specifici si possono effettuare una prima visita tra i 14 e i 16 anni, una seconda visita tra i 18 e i 20 anni e una terza visita tra i 35 e i 40 anni con ulteriori richiami stabiliti dal proprio medico.

Come si svolge una visita andrologica?

La visita andrologica generalmente consta di più fasi:

  1. con l’ anamnesi lo specialista al fine di tracciare un quadro clinico del paziente si informerà circa il suo stile di vita;
  2. lo specialista proseguirà poi con un’attenta analisi di forma, dimensioni e aspetto dei genitali maschili.
  3. infine, se necessario, lo specialista richiederà ulteriori analisi di laboratorio come glicemia o dosaggio di vari ormoni.
Cos'è l'uroflussimetria?

E’ un esame non doloroso e non invasivo che permette di studiare il flusso urinario, ovvero la quantità di urina emessa nel tempo.

Come si svolge una uroflussimetria?

Al paziente viene chiesto di urinare in uno strumento simile a un imbuto tramite il quale si misura elettronicamente il flusso urinario, rappresentato poi con un grafico.

Sono previste norme di preparazione?

Per eseguire correttamente questo esame è necessario che la vescica non sia né troppo piena né troppo vuota, perciò si consiglia di non urinare nelle 3 ore precedenti all’esame, bevendo una moderata quantità di acqua.

Compila il FORM sottostante. Ti risponderemo via e-mail o richiamandoti al telefono!

6 + 6 =